9 Caratteristiche da considerare al momento dell’acquisto di oli essenziali pregiati

9 Caratteristiche da considerare al momento dell’acquisto di oli essenziali pregiati

Sia chi ha problemi di salute sia chi vuole provare sensazioni di benessere può fare affidamento sulle proprietà benefiche degli oli essenziali. Al giorno d’oggi l’effetto curativo degli oli essenziali è scientificamente provato: a partire dalla fine del XIX secolo, diversi esperimenti condotti da medici e microbiologi esperti quali Chamberland, Martindale e Gattefossé, padre dell'aromaterapia, hanno dimostrato le proprietà antisettiche e antibiotiche degli oli essenziali. Trent’anni dopo la nascita dell’aromaterapia medica, gli oli essenziali hanno iniziato ad essere considerati veri e propri vettori di salute, energia e longevità. Questo ha portato a riconsiderare i loro benefici in diversi ambiti della vita quotidiana domestica: dal loro impiego in cucina al loro uso interno ed esterno.

Oggi gli oli essenziali sono preziosi alleati della nostra salute e del nostro benessere. Per trarne il miglior giovamento possibile si dovrebbero però utilizzare esclusivamente oli essenziali puri di alta qualità, poiché gli oli sintetici, nonostante il profumo invitante, non possono garantire un effetto curativo. Purtroppo a tutt’oggi la denominazione “olio essenziale” non è tutelata, per questo è importante saperli riconoscere.

Ma come possiamo riconoscerli al meglio? In seguito abbiamo elencato per voi 9 caratteristiche importanti alle quali prestare attenzione nell’acquisto di un olio essenziale:

1.) Origine

Naturalmente l’olio essenziale deve essere estratto dalla sua pianta d’origine. È importante anche che sia menzionata la parte della pianta da cui l’olio è stato estratto (per es. radice, fiore, foglie, corteccia, frutto, ecc.)

2.) Purezza

Deve trattarsi di olio essenziale puro al 100%. Se questa informazione non è chiaramente riportata sull’etichetta, l’olio potrebbe essere annacquato o allungato con sostanze profumanti sintetiche. In questo caso, non ci si può aspettare un effetto curativo.

3.) Distillazione

Il tempo è un fattore decisivo nel processo di distillazione in corrente di vapore. Le piante dovrebbero essere distillate a una pressione molto bassa e senza alcun supporto nel processo di estrazione, al fine di mantenere tutte le componenti preziose della pianta.

4.) Qualità della pianta

Gli oli essenziali puri di buona qualità vengono estratti da raccolte di piante selvatiche o da coltivazioni biologiche controllate.

5.) Prezzo

Gli oli essenziali puri di alta qualità hanno prezzi più elevati. Tuttavia il loro prezzo è relativo, dal momento che, rispetto agli oli annacquati o sintetici, ne basta una quantità inferiore per ottenere gli stessi effetti.

6.) Foglio illustrativo o confezione

Sul foglio illustrativo o sulla confezione di un olio essenziale puro di qualità è riportata sia la designazione della partita che la denominazione italiana e latina della pianta dalla quale è stato estratto l’olio, al fine di non confonderla con piante simili.

7.) Sigillo di qualità

È fondamentale che sulla confezione vi sia anche un sigillo di qualità che contrassegni i prodotti di agricoltura biologica, come ad esempio il Logo EU-Bio con il codice del relativo organismo di controllo. In questo modo i prodotti biologici certificati, tra cui naturalmente anche gli oli essenziali, sono più facili da riconoscere per i consumatori.

8.) Chemiotipo

Fattori esterni possono comportare delle oscillazioni nella composizione degli oli essenziali delle piante. Per esempio, una stessa specie può sviluppare chemiotipi differenti, a causa di determinate condizioni climatiche. Ciò significa che le caratteristiche e gli effetti di una pianta dipendono fortemente dall’ambiente in cui crescono. Facciamo un esempio: Il timo che cresce in aree mediterranee può avere un gusto pungente ed irritare la pelle, mentre può essere più delicato di gusto, se cresce ad altitudini più elevate. Per questo motivo, non ogni chemiotipo del timo - per rimanere in tema - è adatto ai bambini.

Quindi: Leggete sempre attentamente l’elenco degli ingredienti e controllate il chemiotipo degli oli essenziali!

 

9.) Tutto Bio

Quando acquistate degli oli essenziali prestate attenzione che le piante siano state coltivate secondo le direttive dell’agricoltura biologica. Il sigillo “bio” ne è una garanzia. Tuttavia, l’ASSENZA di un certificato non significa necessariamente che gli oli non siano stati prodotti secondo le direttive vigenti in materia di agricoltura biologica. Soprattutto le piccole aziende a conduzione famigliare, come la nostra, non puntano al sigillo di garanzia, bensì alla trasparenza e alla fiducia, oltre alla produzione naturale e biologica.


Questi preziosi consigli vi aiuteranno a riconoscere gli oli essenziali puri di alta qualità e a utilizzarli nel modo giusto per migliorare la vostra salute.

Gli oli essenziali di Bergila vi garantiscono sempre un’alta qualità senza compromessi e naturalmente soddisfano tutte le 9 caratteristiche descritte sopra.

Non importa se timo, pino mugo, arancio o lavanda… Abbiamo un’ampia scelta di oli essenziali per voi. Scopriteli all‘interno del nostro shop!


Condividi

Restart 2020

Restart 2020

Lavorare con la natura ci ha insegnato ad essere spontanei, flessibili e creativi.
Cerchiamo pertanto a trovare una soluzione per tutte le normative!

Leggi qui come affrontiamo la situazione attuale e quali misure di sicurezza abbiamo adottato!