6 consigli utili per curare l'allergia al polline

6 consigli utili per curare l'allergia al polline
glechoma
Betulla
ortica

Cos'è l'allergia al polline?

L'allergia al polline - conosciuta anche come raffreddore da fieno - è la forma di allergia più diffusa e si manifesta soprattutto nelle persone sopra i 3 anni di età. Circa 15 milioni di persone ne soffrono ogni anno in tutto il mondo e questa cifra continua ad aumentare. Nei soggetti allergici al polline il sistema immunitario reagisce a contatto con pollini specifici, che per altri soggetti sono totalmente innocui, come ad esempio i pollini delle graminacee, di alcune piante dalla fioritura precoce, come la betulla o il nocciolo, e di piante dalla fioritura tardiva come la piantaggine, l’ambrosia, la segale o l’acetosa.

Quali sono i sintomi dell'allergia al polline?

Quando il polline entra in contatto con le mucose del naso e degli occhi avviene una reazione allergica. Per combattere l’agente patogeno, infatti, il sistema immunitario rilascia l’istamina nelle mucose, una sostanza chimica del corpo che provoca reazioni allergiche come prurito, starnuti e in rari casi anche mancanza d’aria. È molto importante non sottovalutare le allergie e in particolare il raffreddore da fieno, per evitare che l’allergia diventi cronica. In caso contrario, infatti, può trasformarsi in una malattia più seria.

Cosa fare contro l'allergia al polline?

Se sottovalutato, il raffreddore da fieno può trasformarsi da una forma allergica leggera a una malattia ben più grave. Infatti, l’allergia rischia di cronicizzarsi e provocare malattie piuttosto serie, come ad esempio l’asma grave. Per questa ragione, prevenire le allergie è molto importante.
Sia in caso di un leggero raffreddore da fieno che di vera e propria asma, esistono diverse cure capaci di alleviare i sintomi dell’allergia:

1) Irrigazione nasale

Sciogliete un po' di semplice sale da cucina in acqua tiepida e spruzzare la soluzione nel naso per disinfettare la mucosa nasale e ripulirla dai pollini. 

2) Fare la doccia e lavare i capelli

Ogni sera fatevi la doccia e lavatevi i capelli con cura, di modo da sciacquare via tutto il polline presente sul corpo. Così eviterete che di notte il polline si depositi sul cuscino e non rischierete di respirarlo. 

3) Scegliere il momento giusto per praticare sport all'aperto

Vi consigliamo di praticare le attività sportive all’aperto o di sera o molto presto di mattina, poiché in questi momenti della giornata il livello di polline è minimo.

4) Controllare il bollettino dei pollini e le previsioni 

...ed eventualmente pianificate la vostra vacanza in zone povere di pollini e in un periodo in cui nella vostra zona il livello di polline è particolarmente elevato. 

5) Olio essenziale alla menta piperita

Per facilitare il respiro è sufficiente versare qualche goccia di olio essenziale alla menta piperita in una lampada profumata. Una piccola seduta di wellness per le vostre mucose nasali. 

6) Gemmoterapia

La gemmoterapia è una medicina alternativa, derivante dalla fitoterapia, che si serve del potere curativo di gemme e germogli per curare allergie e malattie. Soprattutto l'allergia al polline può essere trattata efficacemente con l'aiuto dei gemmoderivati. 
Con il gemmoderivato Allergo Natural Bio di Bergila, che contiene estratti benefici di mirtillo nero e rosa canina, è possibile alleviare i sintomi delle allergie acute e croniche. 


Condividi

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Continuando ad utilizzare il sito acconsenti all'uso dei cookie. Chiudi